News in evidenza

25/11/2019

MANUALE UDG A.I.A.K. 2020

Leggi

22/11/2019

ATTIVITA' NAZIONALE

Leggi

21/11/2019

PROGRAMMA ATTIVITA' KARATE LIBERTAS 2020

Leggi

17/11/2019

RINNOVO AFFILIAZIONE ANNO SOLARE 2020

Leggi

13/02/2018

Registro CONI 2.0. Linee pratiche per l’iscri

Leggi

04/01/2018

POLIZZA ASSICURATIVA CSN LIBERTAS 2018-2020

Leggi

Dipartimento Karate Libertas Nazionale

Image

Rivolgo un forte invito a tutte le Associazioni della Libertas a diffidare di alcuni sciacalli, che vanno in giro offrendo super assistenza, per passare con altro Ente di Promozione, commettendo il reato di millantato credito.

 

Le Associazioni conoscono già da vari giorni, attraverso le nostre strutture periferiche, che le istanze per godere dell’indennità di 600 euro, possono attivarsi solo individualmente dal soggetto percettore, attraverso la piattaforma di Sport e Salute Spa.

 

Piattaforma che sarà disponibile non appena verrà emesso il Decreto del Mef.

 

Vi ringrazio della collaborazione

 

Il Presidente

Luigi Musacchia

_______________________________________________

MONITORAGGIO LIBERTAS

Caro Presidente

 il Centro Nazionale ha avviato una attività di monitoraggio per acquisire informazioni utili a  comprendere la situazione  che stanno vivendo le nostre Associazioni/Società sportive, fortemente penalizzate dalle pesanti ricadute economiche che l’emergenza Covid-19 sta avendo anche sul mondo sportivo, per poter censirne i dati più rilevanti.

Questa rilevazione ci consentirà di fornire al CONI e al Ministro dello Sport, un quadro il più possibile attendibile e completo, per calibrare eventuali ulteriori interventi da parte del Governo a favore del nostro settore.

La dichiarazione deve essere firmata e timbrata dalla ASD/SSD e convertita in pde inviata al proprio Presidente Provinciale o Regionale Libertas e ad ufficiostampa@libertasnazionale.it

Ti ringrazio per la preziosa collaborazione.

Il Presidente

Luigi Musacchia

__________________________________________________________________________

Il Presidente Musacchia: “Lo sport sociale ha bisogno di misure immediate per resistere all’emergenza”

Stiamo vivendo un momento difficile che mette in discussione l’intero paradigma sociale a cui siamo abituati, accentuandone criticità e fragilità. Giorni in cui cambia drasticamente il modello che ci ha accompagnati nelle abitudini, negli schemi produttivi, nei comportamenti di consumo e nella gestione del tempo.

L’isolamento in cui si trova il nostro Paese ci permetterà, forse, di ripensare le priorità e le strategie future legate alle esigenze primarie, come l’assistenza sanitaria e quella sociale, in una parola, il sostegno alla popolazione tutta.

Una società spesso frammentata, fatta di spaccature sociali e marginalità, in cui il mondo del volontariato, del terzo settore e dell’associazionismo sportivo ha cercato di intervenire, con le proprie risorse e competenze, per sostenere, includere, lasciar partecipare.

Risorse che, per gran parte, hanno attinto alla forza dei volontari, delle piccole realtà, dell’iniziativa dei singoli.

E cosa possiamo fare noi che apparteniamo a questo mondo, in un momento in cui per primi siamo in difficoltà e in affanno?

Possiamo ancora molto. Possiamo farci carico della responsabilità di tenere in piedi un settore che è da sempre connettore sociale e forza dinamica del nostro Paese.

Per noi lo sport, la promozione dell’attività di base e la promozione sociale hanno rappresentato un esercizio costante di soluzioniidee e progetti, per non lasciare indietro nessuno, per costruire ponti laddove si ergevano muri, per tendere mani nei territori che lasciavano poche alternative di vita.

Ma anche più semplicemente abbiamo portato avanti con forza una idea di cittadinanza attiva, di salute e di equilibrio, per sostenere il tessuto sociale tutto.

Ora che stiamo vivendo questa emergenza assoluta, una organizzazione come la Libertas, ha l’urgenza di dare voce a questo mondo, che tanto ha messo in campo negli anni, in termini di solidarietà, umanità e competenze.

L’associazionismo sportivo sta subendo moltissimo in termini economici, e ha dovuto reagire fin dall’inizio per contenere e contrastare la diffusione dell’infezione da coronavirus. Un settore che ha messo al primo posto immediatamente il bene comune, un bene superiore in questo caso, ma che pagherà moltissimo questa crisi sanitaria.

E’ innegabile che il nostro settore abbia timore per tutte quelle figure che si trovano in condizioni di precarietà e, che ormai da tempo, rivendicano interventi che possano garantire loro le tutele necessarie.

Così come abbiamo timore per la fragilità dell’associazionismo sportivo di base, che costituisce lo scheletro dell’attività motoria del nostro Paese, che attende un riconoscimento legislativo del proprio valore sociale, una semplificazione amministrativa, un assetto giuridico di sostegno e tutela.

L’impatto economico che già in queste poche settimane ha scosso lo sport sociale, le nostre associazioni e le società sportive, potrebbe rappresentare per molti una situazione da cui non potersi rialzare.

Di fronte ad uno scenario in cui associazioni sportive dilettantistiche e società sportive, che rappresentano più di un milione di lavoratori,  che sono risorse sociali imprescindibili e che potranno essere uno strumento per ritornare alla normalità, rischiano di chiudere definitivamente, noi non possiamo stare in silenzio.

Il nostro impegno è totale, e non potrebbe essere altrimenti, nel tutelare la salute pubblica, che è un diritto fondamentale della nostra Costituzione, ma le nostre energie saranno impegnate con determinazione nel chiedere sostegno economico e interventi a protezione del mondo che rappresentiamo.

Siamo coscienti che in molti stiano pagando gli effetti dell’epidemia di Covid-19 e siamo pronti a fare le nostra parte accanto ai cittadini, con le reti di volontariato e il nostro tessuto territoriale, ma abbiamo bisogno di sostegno. Ne abbiamo bisogno ora!

Siamo consapevoli che il Governo è al lavoro per attuare le misure economiche necessarie alla ripresa del Paese e a noi spetta il compito di far valere l’importanza economica e sociale dello sport per tutti.

Stiamo lavorando per presentare alle Istituzioni le misure che riteniamo più urgenti e necessarie, come la previsione di fondi o detassazioni che consentano il mantenimento degli impianti sportivi al di là del fermo delle attività,  la sospensione dei canoni sulle palestre e gli impianti comunali ora inattivi, gli ammortizzatori sociali per i lavoratori,  l’accesso facilitato al credito, la sospensione dei mutui, la proroga dei pagamenti delle utenze. Azioni incisive, immediate, che consentano di riprendere fiato al sistema.

Chiediamo a Sport e Salute Spa di sostenere lo sport per tutti con le risorse destinate al mondo della promozione sportiva. Al Ministro Spadafora la tutela, l’attenzione, la programmazione per ripartire al fianco dei cittadini, con un riconoscimento legislativo che riconosca il valore essenziale di questo mondo.

Chiediamo risposte concrete per lo sport sociale e ci assumiamo pienamente la responsabilità di fare la nostra parte con ogni risorsa a disposizione.

Al territorio, alle associazioni, alle società sportive e ai soci, sento la necessità di dire grazie.

Grazie per aver risposto con coraggio e con determinazione alla emergenza.  Per aver dimostrato ancora una volta la “cura” nei confronti della società civile, la forza di mettersi a disposizione e di lottare per un’idea di società coesa, unita, reattiva, di cui tutti noi abbiamo bisogno ora più che mai.

 

_____________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

scarica le informazioni: WORLD CUP CAGLIARI 

_____________________________________________________________________